Amante del disegno e della pittura. Dai colori a cera alla tecnica mista. Così si è andato palesando il talento di Mauro Manini, uno tra i più giovani artisti spellani. Nato a Foligno nel 1968, vive e lavora nella splendidissima colonia julia. Di carattere riservato inizia solo nel '90 a mostrare al pubblico le sue opere ed è da subito un successo.

Comincia con i paesaggi, in particolare gli ulivi, per arrivare alla figura femminile. E' un evoluzione- da lui definita fisiologica- che non si arresta e lo porta negli ultimi anni a lanciarsi in un nuovo progetto:H2O. Ed è proprio quì che emerge la sua sensibilità romantica; l'immagine della donna si fa quasi eterea, intangibile, circondata dall'acqua. Proprio l'acqua, il simbolo, la fonte di vita, a cui l'uomo sin dall'antichità ha attribuito una grande importanza identificandola come uno degli elementi costitutivi dell'universo, diviene centrale nella sua arte.

La spazialità risulta così fondamentale, le sue opere non finiscono nei limiti di una cornice, elemento quest'ultimo che l'artista non ama particolarmente, ma irrompono prepotentemente sulla parete, con la stessa violenza vivificante e distruttrice al tempo stesso dell'acqua. Ho scelto questo composto principalmente per il fatto che è il più sincero, non si può fingere nell'acqua, o si sale o si scende dipende tutto da noi”- così Mauro Manini spiega la sua scelta. Appare evidente, dunque, la forza di queste donne, che hanno tanti volti e stanno quasi a rappresentare l'umanità intera. La figura femminile è immersa nell'acqua, una specie di liquido amniotico, ma questa volta è Lei ad essere contenuta, e non a contenere. Qui il corpo femminile parla di una sorta di maternità al contrario: l'acqua circonda e contiene, come un bozzolo, un corpo agile e snello rappresentato da pennellate nervose, di una naturalità che sembra liquefarsi nel liquido che lo avvolge. L'acqua che avvolge e lentamente sconvolge.I suoi quadri sono dei viaggi, delle espressioni, delle emozioni che ci guidano verso una sensibilità superiore.

Copyright 2011. All Rights Reserved.